A+ A-

Capitale di a Corsica genuvese, Bastia hè unu di i capilochi di a creazione artistica di l’isula. Guvernatori, prelati è ricchi burghesi bastiacci a si cumpetenu per dutà e chjese è i cunventi, iniziendu cusì per Bastia una tradizione di centru artisticu è intellettuale di l’isula.

U bullore artisticu di i 17u è 18u seculi in Bastia parmette una sparghjera di i mudelli barocchi per via di copie. À partesi di u 17u, pittori di u lucale, tale Nicolao Castiglione o Saverio Farinole anu da pruduce per l’isula sana, suvitendu l’estru di l’opere di i gran’ maestri genuvesi Domenico Piola o Giuseppe Badaracco, o fiurentini cum’è Giovanni Billivert, ghjunte à gran’ spese pè e chiese bastiacce. Si ritrova u listessu fenomenu in la giuvelleria, puru ch’elle sianu quì d’assai più bella fattura l’opere prudutte da e chiese bastiaccie chè quelle da e parochje campagnole menu ricche.

Issa divizia artistica ripiglierà à u 19u per via di a cunghjunzione di parechji elementi frà i quali u fattu maiò hè di sicuru a lascita Sisco.

Di ceppu bastiacciu, Giuseppe Sisco, prima chirurgu di u papa Piu VII, lascia quand’ellu more u so patrimoniu sanu à a cità di Bastia. Hè incaricata ella d’attribuisce e borse chì permetteranu à i giovani Bastiacci di studià in Roma u drittu, a medicina o i bell’ arti. Entrenu in li fatti isse dispusizione à partesi di u 1841. À partesi da 1871, solu i giovani artisti anu da cuntinuà di dumandà isse borse. Trà 1841 è 1933, seranu 35 à benefizià ne, frà i quali i scultori Louis Patriarche è Jean Mathieu Pekle è i pittori Charles Fortuné Guasco, Louis Alessi o Joseph de Gislain.

Una altra lascita hà da cunfurtà l’arradichera di a pruduzzione artistica bastiaccia di u 19u seculu in la tradizione taliana. Si tratta di a dunazione Survilliers, più cunnisciuta cum’è « legs Fesch ». U Cardinale Fesch avia decisu di lascià una parte di a so cullezzione à a cità d’Aiacciu à prò di a creazione d’un seminariu. Ghjseppu Bonaparte, Conte di Survilliers, nipote è legatariu universale di u Cardinale decise d’allargà issu donu à l’altre cità di l’isule. Fù cusì chì in lu 1844, dede 100 opare à Bastia, pè u più pittura taliana da u 16u à u 18u seculu. In tantu ch’ellu fussi criatu un museu, l’opere funu piazzate in diversi edifizii publichi cum’è e chiese o u cullegiu duve elle ghjuvonu di puntelli pè i corsi di disegnu. I giovani artisti bastiacci pudianu cusì principià sopra à locu a so furmazione pigliendu u filu d’opare talianu d’ottima qualità.

Ùn sò solu a pittura è a scultura i duminii marcati da a tradizione taliana.In la prima parte di u 19u seculu, l’alta sucetà rinvendicheghja à palesu a so italianità in resistenza à u putere puliticu francese. Longu à u seculu sanu a scena bastiaccia accuglierà teatru è Bel Canto taliani, cù una timica apparizione di u repertoriu francese à partesi da l’anni 1870. In quant’è à i scrittori corsi, in lu filu di Salvatore Viale, sò parechji à publicà e so opare in talianu è à dà capu à a lingua corsa. Hè cusì chì Petru Lucciana, dettu Vattalapesca, publicheghja rigularmente in la stampa lucale e so « cummedie », cummedie culurite assai in parlata bastiaccia.


À u 19u seculu, Bastia hè u principale centru intellettuale è artisticu di l’isula duve elli si ritrovanu l’artisti magiori di l‘epica, qual’ voglia sia l’arte. À partesi da l’anni 1850 Bastia attrae ancu artisti d’un genaru novu : i fottografi. I grande nomi di a fottografia isulana cum’è Bartulumeu Graziani, Ghjaseppu Moretti o Anghjulu Tomasi ci venenu per un tempu o campanu in cità, participendu cusì à rinfurzà ne a funzione di centru culturale.


Le legs Fesch

Le legs Fesch

Le legs Sisco

Bastia porte du baroque 17e et 18e siècles